Eco-friendly

La tutela per l’ambiente è una pratica quotidiana, noi preferiamo ed utilizziamo moderni e aggiornati computer Apple e Windows, progettati con lo scopo di evitare sprechi di energia.
Abbattiamo i consumi staccando ogni sera la corrente elettrica. Ci impegnamo ad utilizzare contenitori monouso per le bevande e per i pasti e privilegiamo sempre usare prodotti a basso impatto ambientale. Prestiamo molta attenzione alla raccolta differenziata e a tutto ciò che è possibile riciclare.

ecofriendly

Compensare le emissioni di CO2 è un gesto importante e sensato se prima si compiono tutti i passi per ridurle. Il primo obiettivo deve essere quello di diminuire l’impatto che un sito o un blog ha sull’ambiente. A seguire vi riportiamo dei pratici e utili ecoconsigli per ridurre i consumi energetici nelle tante attività fatte online.

Per una ricerca on line si può usare Gaatle

Secondo una ricerca condotta da un fisico della Harvard University di Boston, ogni ricerca in internet genera 7 mg di CO2, dovuti agli elevati consumi di elettricità. E’ possibile usare un motore di ricerca più “eco”: con Gaatle, la versione “nera” di Google, si potrebbero risparmiare oltre 750 megawattora all’anno.

Controlla la lista di Greenpeace

Anche in questo caso il consiglio riguarda i nostri pc, lo strumento con cui navighiamo: per essere sicuri di utilizzare apparecchi che rispettano l’ambiente, che consumano poco e ci fanno risparmiare energia e denaro in bolletta, scegliamo quelli della “Guide to greener electronics” di Greenpeace.

Usa l’eco adattatore

Se possiedi un computer portatile, valuta l’acquisto di un alimentatore a risparmio energetico: ce ne sono di vari tipi e varie marche.

Compra un wattmetro

Divertiti a calcolare quanto consuma il tuo computer (e tutti i tuoi elettrodomestici), specie in modalità stand by. Basta un wattmetro, un piccolo apparecchio a forma di adattatore per la corrente. I vecchi pc consumavano, in stand by, fino a 20 Wh, come una lampadina. Circa 1 g di CO2 l’ora.

Usa le pile ricaricabili per il mouse, la tastiera e i vari dispositivi

Moltissime persone utilizzano i mouse ottici wi-fi, che hanno bisogno di pile per funzionare. Preferisci quelle ricaricabili. Durano da 500 a 1000 cicli e non inquinano come le usa e getta che, per esser prodotte, consumano 200 volte l’energia che contengono.

Fare la spesa online

Indirettamente, puoi utilizzare il web per risparmiare CO2 in altri campi. Adesso quasi tutti i supermercati e anche molti negozi dispongono di un sito internet che consente di fare la spesa online: scegliete i prodotti che volete (meglio se biologici ed ecologici), evitate le code e lo stress del traffico, i trasportatori in un solo viaggio effettuano le consegne per più famiglie, riducendo tempi e consumi

Stampa leggero

A volte capita di trovare, mentre navighiamo sul web, documenti che ci interessa stampare. Facciamolo, ma con l’eco font: lo scarichi su www.ecofont.eu e ti fa risparmiare il 20% dell’inchiostro. E se scegli di farlo con una stampante a getto d’inchiostro e non con un stampante laser risparmi il 90% di energia elettrica.

Stampa solo l’indispensabile

Cerca sempre di stampare solo i documenti di cui ti serve veramente una copia cartacea. Puoi anche apporre una dicitura in calce alle email che invii che scoraggi la stampa superflua, come la nostra: “save a tree: don’t print this e-mail unless you really need to!”.

Calcola il tuo impatto

Utilizza il computer anche per valutare il tuo stile di vita e stimare qual è la tua impronta ecologica sul pianeta. Con il calcolatore di Impatto Zero® puoi ad esempio calcolare, con pochi click, quanta CO2 emetti ogni giorno con i tuoi spostamenti o con le tue attività domestiche. Il primo passo per compiere un gesto concreto per il pianeta.

 

,adarte. su due ruote elettriche con Etropolis

Per le nostre commissioni e per gli spostamenti in città usiamo lo Scooter Elettrico Etropolis che non inquina e non fa rumore.
Lo scooter non richiede manutenzione, non ha componenti facilmente usurabili, è economico, leggero, frizzante e divertente.

Per maggiori informazioni su Etropolis clicca qui.